Ponte di San Pietro - Sisti

Il Ponte di San Pietro è tra i più caratteristici e meglio conservati della città e si trova in uno dei più antichi quartieri.

Data:
03 Gennaio 2021
Immagine non trovata

ASCOLTA L'AUDIOGUIDA IN ITALIANO

LISTEN TO THE ENGLISH AUDIOGUIDE

 

PONTE DI SAN PIETRO

 

Il Ponte di San Pietro è tra i più caratteristici e meglio conservati della città e si trova in uno dei più antichi quartieri. Interamente in laterizio, presenta ai lati esterni della volta maggiore, due archi dello spessore di tre teste e spallette laterali piuttosto alte.

Il ponte ha una caratteristica struttura a “T” nelle volte, collega le sponde opposte del corso d'acqua omonimo, unendo anche, allo stesso tempo, i due tratti della stalia sulla sponda orientale, interrotta dalla fossa traversa che sboccava nel canale in corrispondenza del ponte (attuale via dei Govi). Sul lato ovest, le scalinate del manufatto si addossano alla quinta costituita dalle abitazioni che si ergono ai lati del canale maggiore.

Il ponte San Pietro, per conformazione strutturale, appartiene alla quinta categoria, all’incrocio di due canali, ortogonali l’un all’altro, ed è costituito, strutturalmente da due arcate poste perpendicolarmente tra loro e di diametro diverso.

Soprattutto a partire dall’inizio del XVII sec. fino alla metà dello stesso, Comacchio venne investita da un massiccio programma di riordino e di sistemazione idraulica e delle strade che conferì all’abitato parte delle principali caratteristiche monumentali e funzionali che tuttora connotano il centro storico.

Questo insieme di interventi, realizzati per rispondere alle pressanti esigenze di igiene dell’abitato, per aumentare la pescosità delle valli e migliorare la navigabilità interna, vennero promossi dal cardinale Gianbattista Pallotta e consistettero essenzialmente nella sistemazione e nello scavo dei canali interni e di quelli perimetrali alla città, nell’ampliamento delle tre zone di accesso dalle valli (Porta Carmine, Porta S.Pietro, Porta Capuccini) nello scavo di un canale navigabile tra la città e il mare e nella costruzione di una serie di ponti in laterizio atti a collegare le varie isole e a permettere nello stesso tempo la navigabilità sui corsi d’acqua.
 

 

 

PONTE DEI SISTI

Poco oltre ecco il Ponte dei Sisti (o di Sansone) Posto all’incrocio del canale di Via Nuova col canale maestro di strada S.Pietro (Agatopisto), il ponte dei Sisti è costruito interamente in mattoni, ad unica arcata. La rampa su Via Nuova si apre a ventaglio fino a lambire la riva del canale. Singolari sono la posizione obliqua rispetto all’asse della stalia di via Agatopisto e il corpo massiccio del fianco destro che si allunga sulla strada per favorire l’estensione della platea.


VAI AL MONUMENTO
PALAZZO BELLINI

 

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 06 Gennaio 2021